Dalla riforma aziendale alla riforma del sistema, a cura di Aviva Investors
Come gli investitori possono rinnovare i mercati e contribuire a contrastare il cambiamento climatico
06/12/2021
Redazione MondoInstitutional
STAMPA

Alcuni anni fa, abbiamo avuto un momento d’illuminazione riguardo ai fattori ESG. Nonostante tutto ciò che di buono siamo riusciti a realizzare grazie al nostro coinvolgimento nelle società sul fronte microeconomico, questo sarebbe privo di significato se non riuscissimo ad affrontare i fallimenti esistenziali del mercato a livello macroeconomico.
La risposta è stata quella di trovare un modo per contribuire alla riforma del mercato: il terreno di gioco sul quale si muovono i diversi operatori finanziari, dai pensionati e dai risparmiatori agli investitori istituzionali, alle banche e ai proprietari di immobili, fino alle autorità di regolamentazione, alle agenzie di rating del credito e ai fornitori di indici. Ma raggiungere questo obiettivo non è un’impresa da poco.  Per realizzarlo è necessaria la diplomazia, nonché una profonda conoscenza e comprensione dei sistemi, della complessità dei mercati finanziari, del modo in cui si evolvono e cambiano costantemente, nonché la consapevolezza dei rischi delle conseguenze impreviste.
Come spiega l’esperta ambientalista statunitense e autrice di Thinking in Systems: A Primer, Donella H. Meadows, spiega: “Un sistema è un insieme di cose (persone, cellule, molecole o qualsiasi altro elemento) interconnesse in modo tale da generare il proprio modello comportamentale nel tempo. Sappiamo molto sul modo in cui funziona il mondo, ma non abbastanza. La nostra conoscenza è straordinaria, ma la nostra ignoranza lo è ancora di più. Possiamo migliorare la nostra conoscenza, ma non possiamo renderla perfetta.”
Come amministratori del patrimonio dei nostri clienti, disponiamo di gran parte della conoscenza, dell’influenza e della lungimiranza necessarie per realizzare un cambiamento economico e sociale duraturo. La finanza raggiunge ogni campo e ogni settore, non esiste azienda o attività commerciale che non ne sia interessata. Per definizione, la nostra influenza si estende e si diffonde su tutti. Gli investitori si trovano quindi nella posizione ideale per promuovere un cambiamento a livello di sistema. 
Tuttavia, Rick Stathers, Senior ESG analyst e Climate Change Specialist presso Aviva Investors, ritiene che la maggior parte degli operatori della finanza sottovaluti gli effetti interconnessi del cambiamento climatico. “Gli economisti e gli investitori partono semplicemente dal presupposto che X gradi di riscaldamento determineranno Y% di perdita del PIL e non prendono in considerazione le ricadute legate alla migrazione e alla catena del valore o il rischio crescente che il superamento della soglia di 1,5 gradi Celsius inneschi punti di non ritorno per il clima e un aumento del riscaldamento globale”, spiega Stathers.
Alcuni esempi illustrano in che modo è possibile conseguire un cambiamento significativo dei sistemi.
Il primo esempio è un’associazione di organizzazioni del settore pubblico e privato che abbiamo contribuito a riunire a novembre del 2019. L’iniziativa sollecita la creazione di una International Platform for Climate Finance (IPCF) che realizzi una strategia globale per finanziare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico positivo. Il fatto preoccupante è che attualmente non esiste un piano di finanziamento coerente, esiste solo una serie di promesse e impegni indipendenti.
Questo è curioso tenuto conto degli investimenti necessari, dell’entità dei cambiamenti che comporta per l’economia e degli enormi sforzi finora compiuti da un numero significativo di leader del settore finanziario in materia di clima.
L’iniziativa e il suo obiettivo sono ancora un “work-in-progress”. Avendo già contribuito a promuovere discussioni politiche importanti, l’IPCF proposta si occuperebbe di:
- riunire le istituzioni finanziarie (ad esempio, banche, compagnie assicurative, gestori degli investimenti) con coloro che influiscono sui mercati per elaborare una strategia globale di transizione finanziaria;
- offrire assistenza tecnica ai Paesi in via di sviluppo che intendono elaborare piani di raccolta di capitali per i propri contributi determinati a livello nazionale (NDC);
- promuovere, e misurare, i flussi di capitali sempre maggiori della finanza climatica da parte di tutte le istituzioni finanziarie nelle aree in cui sono più necessari;
- elaborare una relazione annuale che analizzi l’efficienza, l’efficacia e la coerenza delle varie iniziative internazionali in materia di finanza climatica.
L’esempio successivo è quello della World Benchmarking Alliance (WBA). La sua missione, influenzata dalla nostra visione, è quella di “costruire un movimento in grado di valutare e incentivare l’impatto delle imprese rispetto a un futuro sostenibile che funzioni per tutti”. 
Per conseguire questo obiettivo, ha identificato sette passaggi chiave necessari per indirizzare la società su un cammino più sostenibile. Per contribuire a puntare in alto e a creare trasparenza, la WBA ha creato una serie di benchmark per valutare 2.000 tra le società più influenti del mondo, classificandole e analizzandole in base agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) e alle questioni relative ai diritti umani. Questi benchmark sono liberamente accessibili e utilizzabili e forniscono informazioni preziose per il processo decisionale degli investitori e la partecipazione delle aziende.
Il Corporate Human Rights Benchmark, creato nel 2013, è una delle iniziative chiave della WBA. Sfruttando la natura concorrenziale dei mercati, sfida 230 società globali ad integrare i diritti umani nelle loro attività e nella loro cultura. A otto anni dal lancio, il benchmark è ampiamente sostenuto da società, governi, investitori e società civile. 
Steve Waygood, Chief Responsible Investment Officer presso Aviva Investors, ritiene che iniziative come queste non siano solo un dovere fiduciario degli investitori istituzionali nei confronti dei loro azionisti, ma anche una responsabilità chiave per agire nel migliore interesse dei clienti. Non incoraggiare il rinnovamento a fronte del cambiamento climatico, che descrive come “una crisi esistenziale e il più grande fallimento del mercato della storia”, sarebbe una grave negligenza.
 Influenzare la politica, il contesto del mercato e le strutture di incentivazione che guidano il processo decisionale è qualcosa di estremamente complesso. Si tratta di una ricerca infinita e rientra in quella che chiamiamo “stewardship macroeconomica”. E anche se non smetteremo mai di interagire con le società e di plasmare le caratteristiche ESG di altri attivi che gestiamo per conto dei nostri clienti, è grazie all’integrazione di questi sforzi con iniziative di cambiamento a livello di sistema che possiamo essere più sicuri (e, si spera, orgogliosi) di qualsiasi impatto positivo.
La nostra speranza è che anche i nostri concorrenti e altri operatori finanziari chiave prendano il testimone, perché il cambiamento dei sistemi reali richiede una massa critica. Più voci si fanno sentire, meglio è.

Nota: il coinvolgimento, gli obiettivi e le esclusioni correlati ai fattori ESG e al clima possono variare a livello di strategia di investimento e di portafoglio a seconda del paese, della giurisdizione e delle esigenze individuali dei clienti.

La nostra missione è riscrivere il futuro degli investimenti e creare un clima di cambiamento. Per questo ci vuole Aviva Investors.
AdvertisementPer saperne di più cliccate qui.

© 2022 MondoInstitutional - Riproduzione riservata
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter periodica, sarai costantemente aggiornato sul mondo degli Investitori Istituzionali. L’iscrizione è gratuita!
Per visualizzare l'Informativa Privacy, cliccare qui

-->