Fondazione Cr Biella prevede 6,5 milioni di euro di erogazioni
L'Ente, nel Dpp 2022, comunica anche la destinazione di un plafond di 2 milioni di euro al territorio biellese
23/11/2021
Redazione MondoInstitutional
STAMPA

È stato approvato dagli Organi della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella il Documento Programmatico Previsionale 2022, che disegna le linee guida dell'attività dell'Ente nell'anno del trentennale della sua istituzione. "Un documento nato da una forte azione di ascolto e coprogettazione con il territorio, realizzata anche grazie all'istituzione dell'Osservatorio territoriale del Biellese, e che per la prima volta si ispira in modo forte e strutturato agli obiettivi dell'Agenda Onu 2030", si legge in un comunicato della Fondazione Cr Biella.
"Con una previsione di erogazione di 6,5 milioni di euro resa possibile grazie ai prudenti accantonamenti effettuati negli ultimi anni la Fondazione è pronta a sostenere la ripartenza del territorio dopo la pandemia. Particolare attenzione sarà data al sostegno all'area Educazione e ricerca a cui andranno 2,275 milioni di euro, di cui 1,715 per Educazione, istruzione e formazione professionale", ha spiegato il Presidente Franco Ferraris, che ha poi proseguito: "Stesso importo complessivo (2,275 milioni di euro) andrà all'area Welfare e territorio con un focus specifico sul settore Volontariato, filantropia e beneficenza (1,290 milioni). Infine all'area Arte e cultura saranno assegnati 1,950 milioni di euro. In particolare la Fondazione agirà a sostegno della scuola  e del mondo del volontariato per avviare azioni che aiutino minori e categorie fragili a superare gli effetti della crisi generando al contempo positivi percorsi di crescita, in una prospettiva di sviluppo armonico della dimensione comunitaria".
In occasione del trentennale dalla sua istituzione, inoltre, Fondazione CR Biella, in un'ottica di collaborazione con il territorio nella sua complessità (istituzioni, enti pubblici e privati, comunità locale), ha ritenuto importante destinare al biellese un plafond di 2 milioni di euro per l'attuazione di iniziative esemplari e rappresentative, in un'ottica di rigenerazione urbana e di protezione e salvaguardia del patrimonio culturale e naturale. "Gli interventi saranno volti a promuovere lo sviluppo di comunità sostenibili, coese e solidali; il benessere sociale ed economico dei cittadini dei territori di riferimento; la realizzazione, la crescita e l'inserimento attivo dei giovani nella comunità. Con queste iniziative si risponde all'Obiettivo 11 Agenda 2030 Città e Comunità sostenibili", si legge in un comunicato della Fondazione. 
"L'osservatorio territoriale e la progettazione partecipata, perfezionati durante la pandemia, si stanno rivelando strumenti strategici per individuare le priorità di azione della Fondazione che da sempre lavora in rete con gli attori del territorio. Questo ci permette di ottimizzare l'utilizzo delle risorse generate grazie a un'attenta e prudente pianificazione patrimoniale che ci ha consegnato una buona redditività anche nei momenti più complessi", ha sottolineato il neo Segretario Generale Andrea Quaregna, che ha poi concluso: "Nonostante le difficoltà ancora presenti guardiamo al futuro con fiducia grazie anche al ritorno dei dividendi. La sfida per il 2022 sarà ottenere il massimo impatto combinando la nostra azione con quella creata dai progetti che saranno finanziati dal PNRR  e per i quali la Fondazione si sta adoperando per creare tavoli e reti condivisi ed efficaci".

Per scaricare il Dpp della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, cliccate qui.

© 2021 MondoInstitutional - Riproduzione riservata
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter periodica, sarai costantemente aggiornato sul mondo degli Investitori Istituzionali. L’iscrizione è gratuita!
Per visualizzare l'Informativa Privacy, cliccare qui

-->