Intesa Sanpaolo Vita ha assunto il controllo di RBM Salute
La nuova realtà, che prenderà il nome di Intesa Sanpaolo RBM Salute, punta alla leadership nel settore della sanità integrativa
19/05/2020
Redazione MondoInstitutional
STAMPA

Dopo l'annuncio dell'accordo di dicembreIntesa Sanpaolo Vita, nei giorni scorsi, ha assunto il controllo di RBM Assicurazione Salute, acquistando direttamente per cassa dal Gruppo RBHold della famiglia Favaretto, il 50% +1 azione al prezzo di 325 milioni di euro. Inoltre, è stato confermato il piano di incremento della partecipazione fino al 100% del capitale, in modo progressivo dal 2026 al 2029, "che avverrà ad un prezzo di acquisto determinato in base al raggiungimento di obiettivi di crescita prestabiliti, secondo una formula mista patrimoniale e reddituale", si legge in una nota del Gruppo assicurativo che poi continua: "Con questa operazione, autorizzata dall’IVASS lo scorso 16 aprile, il Gruppo Intesa Sanpaolo rafforza significativamente il proprio posizionamento nel business Salute, cresciuto in Italia del 9,3% (fonte: Ania) nel periodo 2015/19 e con ulteriori prospettive di espansione per i prossimi anni".
La nuova realtà, che prenderà il nome di Intesa Sanpaolo RBM Salute (la nuova denominazione sarà efficace dopo l’approvazione IVASS del nuovo Statuto e la conseguente iscrizione nel Registro Imprese), vede la conferma di Marco Vecchietti nel ruolo di Amministratore Delegato e Direttore Generale. Intesa Sanpaolo RBM Salute è la prima Compagnia assicurativa nel ramo malattia con 577 milioni di premi e una quota, di mercato del 18% (fonte: graduatoria ANIA per Singola Impresa, Premi del Lavoro Diretto Italiano, 2019). Nella classifica dei gruppi assicurativi, Intesa Sanpaolo Vita risulta ora il secondo operatore in Italia, con 690 milioni di euro di premi ed una quota di mercato del 21,5% (fonte: graduatoria ANIA per Gruppo di Imprese, Premi del Lavoro Diretto Italiano, 2019. Aggregazione dei dati di Intesa Sanpaolo Assicura e RBM Assicurazione Salute).
"Intesa Sanpaolo RBM Salute si rivolgerà sia alla clientela tradizionale di RBM Assicurazione Salute (fondi sanitari, aziende ed enti pubblici), sia alla clientela retail ed imprese di Intesa Sanpaolo", sottolinea il comunicato. In particolare, l’accordo di servicing con il partner strategico Previmedical, la più grande rete medicale convenzionata in Italia (con oltre 113.000 strutture tra ospedali, case di cura, centri diagnostici, laboratori di analisi, fisioterapisti e studi dentistici), metterà a disposizione della clientela di Intesa Sanpaolo RBM Salute terapie e cure di elevata qualità e a condizioni economiche vantaggiose rispetto alla media di mercato. 
"La nascita di Intesa Sanpaolo RBM Salute rappresenta un momento significativo per la storia del nostro Gruppo Assicurativo e di tutto il Gruppo Intesa Sanpaolo, un passaggio fondamentale verso un futuro che vogliamo vivere da protagonisti nel comparto della protezione ed in particolare nella tutela del bene più importante, la salute", ha commentato Nicola Maria Fioravanti, AD di Intesa Sanpaolo Vita, Responsabile della Divisione Assicurativa del Gruppo Intesa Sanpaolo e nominato Presidente di Intesa Sanpaolo RBM Salute. "L’integrazione di RBM Assicurazione Salute, oltre a rafforzare il nostro posizionamento come Wealth Management & Protection Company, conferma la volontà di raggiungere la leadership nel business non/motor retail e di affermare il nostro modello di successo di banca assicurazione, unico nel mercato italiano".

© 2020 MondoInstitutional - Riproduzione riservata
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter periodica, sarai costantemente aggiornato sul mondo degli Investitori Istituzionali. L’iscrizione è gratuita!
Per visualizzare l'Informativa Privacy, cliccare qui

-->